L’EDITORIALE – L’acquisto di Giannone emblema del diktat dirigenziale: vincere, subito, per diventare grandi

E’ di queste ore l’annuncio dell’ufficialità dell’acquisto di Luca Giannone da parte dell’Unicusano Fondi. Il club pontino preleva il cartellino del classe 1989 dalla Casertana, società con la quale era già venuta a contatto in questa finestra di mercato. L’attaccante originario di Pomigliano d’Arco vanta un passato trascorso tra le fila di squadre come Napoli, Crotone e Bologna. Un profilo di spessore, la cui grande esperienza sarà d’aiuto senz’altro per il cammino del Fondi in questa seconda parte di stagione.

Ma l’acquisto di Giannone è solo l’emblema di una gestione societaria che, nel corso di questi mesi, si sta rivelando eccezionale: come confermato da questo innesto, i vertici dell’Unicusano hanno grandissime ambizioni ed una grande voglia di far arrivare il Fondi a livelli ancor più alti di quelli in cui milita ai giorni d’oggi. Aver regalato a Mister Pochesci un giocatore come Giannone, in un mercato che viene definito “minore”, è sicuramente un grande passo avanti. L’obiettivo è uno solo: porre le basi verso il futuro.

Futuro che si profila roseo e ricco di soddisfazioni. Perché l’approccio e la mentalità dei dirigenti rossoblù sono invidiabili da qualunque altro club di Lega Pro. Chiunque sia ancora scettico, dovrà ricredersi al più presto: Fondi è una realtà emergente nell’ambito del calcio italiano e, se tutto andrà come previsto, potrà affermarsi ancora di più. Il nome della città può essere esaltato in palcoscenici nazionali. E tutti coloro che hanno sempre remato contro questa nuova società dovranno presto rendersene conto…

Andrea Pontone

Twitter: @_AndreaPontone

Related posts

Leave a Comment