Pellorca, fedeltà Vigor Cisterna ed ambizioni da grande

Il giovane portiere del Cisterna si prepara per la sfida con il Minturno partendo dalle solide basi di questa società
“Cercheremo di dare il massimo per vincere e salvarci il prima possibile, questa è una grande famiglia”

La sconfitta di Albano brucia ancora ed è proprio per questo che la Vigor Cisterna che attende il Minturno domani (ore 15 San Valentino) sarà una squadra molto motivata. C’è grande voglia di mettere le mani, il più presto possibile, sulla salvezza e la sfida con una big del campionato può dare anche quello stimolo in più per fare bene. Affrontare i rossoblu non sarà facile ma la crescita generale della squadra di Angeletti porta al solito grande ottimismo. In una forte crescita di squadra c’è spazio anche per l’estremo difensore Giammarco Pellorca, classe ’97 e già 12 presenze (con un gol) in una stagione condivisa con il collega di reparto Ciarla. “Non mi aspettavo di fare tutto questo minutaggio, sono sincero – ha detto proprio il giovane portiere della Vigor – sono anche fiero e felice però di quanto sono riuscito a conquistarmi. Siamo molto concentrati per questa sfida perché non vogliamo fare brutte figure e crediamo fortemente nella salvezza. Possiamo salvarci in anticipo ma dovremo credere nei nostri mezzi con voglia e determinazione”. Battere il Minturno per accelerare il processo di crescita di una squadra trainata da un grande gruppo: “Con i compagni di squadra mi trovo benissimo – continua Pellorca – i più esperti oltre ad essere delle grandi persone sono dei leader indiscussi e pronti a dare consigli ai più giovani. Mi piacerebbe crescere con questa società e togliermi più soddisfazioni possibili con questa maglia perché la Vigor Cisterna è una grande società. Ovviamente questo è uno sport nuovo per me e, come per tutti, il sogno è quello di arrivare il più in alto possibile e vincere. C’è tanto da lavorare ma sono fortunato perché la Vigor è come una famiglia: ho un ottimo rapporto con Ciarla e se sono riuscito a fare parecchie partite il merito è suo e quello di mister Angeletti. Albano? Ho visto un’ottima Vigor e secondo me non meritavamo di perdere. Abbiamo creato molto ma la palla non voleva entrare, l’atteggiamento però è stato ottimo, mi piacerebbe vedere sempre la squadra così”.

 

Ufficio Stampa

Related posts

Leave a Comment