Unicusano Fondi-Monopoli: l’analisi tattica illustrata del nostro esperto in match analysis

Nel corso della sfida tra Unicusano Fondi e Monopoli, valevole per la 26esima giornata del Girone C di Lega Pro, la squadra di Sandro Pochesci ha messo in luce notevoli miglioramenti dal punto di vista tattico. Andiamo alla scoperta del metabolismo di gioco del quale i pontini sono stati protagonisti contro la formazione pugliese, analizzando la partita con tanto di immagini.

Andrea Pontone nostro inviato a Fondi, nonché esperto ed appassionato di match analysis, ci offre l’opportunità di capire quali sono stati gli elementi vincenti che hanno portato al trionfo dell’Unicusano sul Monopoli

“Focalizziamoci principalmente su due aspetti: il pressing alto in stato di non possesso e la gestione del pallone in fase d’attacco. Entrambi sono stati perfezionati ad hoc da Mister Pochesci, che ha visto i suoi interpreti disputare una gara impeccabile sotto questi fronti.

 

Partiamo dalla prima immagine, che ci mostra quanta difficoltà abbiano avuto gli ospiti ad impostare il gioco nell’incontro del ‘Purificato’: il grande lavoro svolto dai rossoblù in fase di non possesso ha costretto più volte gli avversari all’errore. Come in questa circostanza, nella quale i membri del tridente d’attacco si alzano in pressing. In particolar modo Gambino, che va a disturbare il portiere avversario tanto da costringerlo all’errore. Gli altri due interpreti del reparto offensivo, ovvero Calderini e Tiscione, rivestono un ruolo fondamentale in quanto intercettano le eventuali linee di passaggio e difatti obbligano Furlan al lancio lungo. Ma lo stesso rinvio, a causa dell’avvicinarsi di Gambino, non riesce nel migliore dei modi. Azione studiata nei minimi dettagli dallo staff di Pochesci.

 

Nella seconda ed ultima circostanza, invece, ci troviamo ad analizzare l’azione che porta al gol di Filippo Tiscione. Dopo l’ottima percussione di Squillace sulla sinistra, il terzino rossoblù arriva al cross rasoterra praticamente all’altezza della linea di fondo. In quest’immagine viene messa in risalto la grave disattenzione difensiva di cui è stata partecipe la retroguardia del Monopoli: i difensori in maglia gialla, infatti, vanno a coprire uno spazio (quello evidenziato in rosso) nel quale non è presente nessun attaccante avversario, mentre proprio tre giocatori del Fondi stazionano a pochi passi di distanza completamente indisturbati. Il paradosso è la presenza di esattamente tre difensori del Monopoli davanti a questi, ma nessuno dei tre avanza per marcare (o quantomeno disturbare) gli avversari. In questo modo, Tiscione – distante di preciso sei metri dalla “linea” formata dai tre difensori – è libero di spedire il pallone in rete”.

Immagini elaborate da Andrea Pontone.

Twitter: @_AndreaPontone

 

Related posts

Leave a Comment