Le PAGELLE di Fidelis Andria-Unicusano Fondi 0-1

Cuore e orgoglio per l’Unicusano, che torna alla vittoria dopo un’astinenza di due mesi. Sfigura il portiere Baiocco, Calderini lascia il timbro. Finalmente si vede il vero Giannone.

Paolo BAIOCCO 7,5 – Il portiere non abdica, resta lui il leader di questa squadra. Se il Fondi torna a casa con tre punti d’oro il merito è soprattutto suo. Nei primi istanti di gara nega a Curcio la gioia del gol, in seguito s’immola su Cruz, poi l’allungo sulla conclusione di Rada. Ipnotizzatore.

Gianluca GALASSO 6,5 – Una funivia sulla fascia destra, sale e scende nell’out di competenza con una forza fisica impressionante. La sua spavalderia si apprezza ad inizio secondo tempo, quando si lancia verso la porta pugliese tagliando mezzo campo e poi tirando coraggiosamente. Eleganza e mestiere.

Francesco BERTOLO 6+ – Rimpiazza Signorini al centro della difesa e, a parte una disattenzione iniziale, non concede quasi nulla al reparto offensivo avversario. Pur non eccellendo nella precisione, si esalta negli spazi stretti in cui il Fondi si rintana.

Daniele MARINO 6,5 – Il salvataggio miracoloso che effettua sulla linea di porta in avvio fotografa la sua gara dinamica e rocciosa. Il suo prorompente ingombro fisico e la sua esperienza sono sempre preziosi.

Fabio TOMMASELLI 6 – Non demerita: svolge un lavoro pulito ed impeccabile in mezzo al campo che gli permettono di agguantare la sufficienza. Poche distrazioni, tanta sostanza ed impegno. Ordinaria amministrazione in fase di possesso, chiude le linee di passaggio quando gli avversari spingono sull’acceleratore.

Raffaele DE MARTINO 6,5 – La sua gara è contraddistinta da personalità e qualità. Ottima intelligenza tattica e tanta, tantissima corsa. Organizza come sempre il lavoro in mezzo al campo: sempre meno gravoso col passare dei minuti, nel finale gioca sul velluto.

Santo D’ANGELO 6 – Partecipa poco alla manovra offensiva, cercando di dare un aiuto alla difesa. Ha il compito di recuperare più palloni possibili e ne strappa tantissimi dalle gambe degli avversari. Solito lavoro di sostanza: silenzioso ma operoso.

Ivan VARONE 7 – E’ sempre il solito ragno gigante in mezzo al campo. Sbava chilometri e chilometri di ragnatela, molte delle idee fondane nascono dai suoi piedi con una percentuale d’errore vicina allo zero. Si muove benissimo, corre e sputa sangue per questa maglia, conquistando la stima del pubblico rossoblù. Come se non bastasse, dà il via all’azione che porta al gol. Onnipresente.

Luca GIANNONE 7 – Primo squillo in maglia pontina per lui. Prestazione spumeggiante: nello stretto si districa con classe, quando ha spazio diventa immarcabile. E l’assist per Calderini è un cioccolatino da scartare.

dal 34’ s.t. Filippo TISCIONE s.v.: tiene impegnata la difesa avversaria con il pressing alto. Punto di riferimento in avanti.

Elio CALDERINI 7,5 – Il modulo arrangiato (ed obbligato) con cui la squadra si trova ad affrontare la gara lo lascia un po’ spaesato: a tratti resta solo in avanti e non sempre viene ben innescato dai compagni. Ma quando funziona è un’opera d’arte e il guizzo che vale il gol decisivo è la dimostrazione del teorema. Rivede il gol (che gli mancava da due mesi) e si rivela match-winner dell’incontro.

dal 41’ s.t. Diego ALBADORO s.v.: con l’arte del mestiere perde secondi preziosi che portano al triplice fischio.

Giuseppe GAMBINO s.v. – Accusa fastidi fisici ad inizio primo tempo e Pochesci è costretto a richiamarlo subito in panchina.

dal 23’ p.t. Alessio POMPEI 6 – A muscoli freddi, ci mette un po’ a prendere le distanze ma con il passare del tempo (in particolar modo nella ripresa) il suo rendimento decolla. Senza infamia e senza lode.

All. Sandro POCHESCI 6,5 – L’approccio ultra-difensivo dei primi minuti non convince in pieno, ma dopo il gol di Calderini tutto cambia: fortunata a trovare la rete del vantaggio, la sua squadra si rivela astuta e caparbia a difendere il risultato. A denti stretti, fino alla fine. E il Fondi torna a volare in classifica.

Andrea Pontone

Twitter: @_AndreaPontone

Related posts

Leave a Comment