Il tiki taka e’ anche cosa italiana dopo il 2 a 0 dell’Unicusano Fondi al Melfi

L’Olanda, poi il Barcellona. E adesso l’Unicusano Fondi Calcio. Il “tiki taka” è pure cosa ‘italiana’, almeno guardando il 2 a 0 segnato dall’Unicusano al Melfi nella ventiquattresima giornata di Lega Pro (girone C): 48 tocchi di palla per tutta l’ampiezza del campo, da destra a sinistra, da sinistra a destra, tutti nella metà campo avversaria, fino al cross di Calderini per Galasso che, in piena area di rigore, tocca per Albadoro che arriva da dietro, a rimorchio, per insaccare il 2 a 0.

Una trama fitta come un libro di Grisham, che lascia agli avversari solo un posto come spettatori.

L’ennesima prova che, a qualunque latitudine lo si giochi, il calcio è un gioco semplice, ma giocare un calcio semplice è la cosa più difficile del mondo.

Senza dimenticare che un gol dell’Unicusano è un gol per la ricerca.

E che gol questo, da vedere e rivedere!

Related posts

Leave a Comment