Beach Soccer, Coppa Italia: il cuore non basta al Terracina, passa Catania I

Nonostante una prestazione tutta cuore e coraggio, il Terracina BS non riesce a compiere l’impresa di giornata contro la favorita finale del torneo (e non solo) Catania. I biancocelesti iniziano con il piede pigiato sull’acceleratore, sfiorando – all’alba della sfida –  il goal con Dmais due volte e subito dopo con il colpo di testa di Llorenc, salvato miracolosamente da Paterniti.

La squadra di D’amico gioca, Catania segna: tiro libero ravvicinato di Stankovic e sfera nel sacco. Llorenc cerca il pari sulla sirena del primo parziale, sfiorando – da calcio da fermo – la porta dell’ex Spada. Il mortifero 2-0 di Ottl nel secondo tempo fa calare il gelo sul numeroso pubblico dell’Arena “Carlo Guarnieri”, rinfrancato – in modo fulmineo – dal successivo guizzo di Del Duca che riapre i giochi.

Al 6′ il portiere Elliott va a centimetri dal pareggio, mentre Ottl spacca la porta terracinese su tiro libero e ristabilisce i due goal di margine tra le due squadre. Il Terracina ha carattere e cuore, orgoglio e determinazione: Borelli fa tutto da solo, scagliando un sinistro imparabile alle spalle dell’estremo catanese. Dopo il 3-2, l’arena diventa una bolgia e favorisce il pareggio terracinese, che viaggia sull’asse Llorenc-Frainetti, con quest’ultimo che deposita la sfera in rete.

Si arriva così all’ultimo e decisivo periodo sulla parità. Catania sfrutta al meglio l’ampiezza del proprio roster, portandosi sul 4-3 con lo svizzero Stankovic (aiutato da un beffardo rimbalzo del pallone); due minuti più tardi Paolo Palmacci si inserisce all’interno della retroguardia biancoceleste e supera di testa il portiere terracinese.

Dmais non ci sta e sulla seguente battuta insacca il punto del 5-4, tenendo in vita il Terracina e rianimando i tifosi locali. Catania mantiene la calma, sfrutta i suoi talenti individuali e la stanchezza dei ragazzi di D’Amico, indirizzando l’incontro con Bruno Xavier e Corosiniti. Dopo il 7-4, Del Duca sfrutta l’errore di Spada e prova a suonare la carica, solleticando l’estro di Dmais e avvicinando il Terracina a -1 (7-6 al 9′ del terzo periodo).

Ci pensa ancora uno strepitoso Ottl a chiudere la partita e spedire Catania ai quarti. Ancora Dmais nei pressi della sirena si inventa il goal dell’8-7, ma ormai è troppo tardi. Gli applausi finale del pubblico congedano il Terracina BS dalla lotta per il trionfo finale, ma non dalla manifestazione: contro la Lazio, infatti, i terracinesi si giocheranno molto più che l’onore e la posizione definitiva del torneo nazionale.

CATANIA-TERRACINA 8-7 (1-0; 2-3; 5-4)

Catania: Spada, Paterniti, Palmacci, Chiavaro Ag., Bruno Xavier, Bassi De Masi, Chiavaro Al., Fred, Palazzolo, Corosiniti, Ott, Stankovic. All.: Panizza
Terracina: Campominosi, Bagnara, Olleia, Llorenc, Borelli, Elliott, Del Duca, Carocci, Frainetti, Mucciarelli, Sacchetti. All.: D’Amico.
Arbitri: Matticoli (Isernia) e Balacco (Molfetta)
Reti: 6’pt Stankovic (C), 1’st Ott (C), 5’st Del Duca (T), 6’st Ott (C), 7’st Borelli (T), 9’st Frainetti (T), 1’tt Stankovic (C), 4’tt Palmacci (C), 4’tt Dmais (T), 4’tt Bruno Xavier (T), 7’tt Corosiniti (C), 8’tt Del Duca (T), 10’tt Dmais (T), 11’tt Ott (C), 12’tt Dmais (T).
Note – Ammoniti: Chiavaro Al., Ott (C).

Luciano Savarese per Terrasport.it

Related posts

Leave a Comment