SERIE A BERETTA MASCHILE: CASSANO MAGNAGO E BOLZANO SUBITO A PIENO REGIME.ANCORA BUONA PROVA DELL’HC FONDI

Un pareggio e ben tre vittorie esterne, due delle quali negli incontri più attesi. La 2^ giornata di Serie A Beretta maschile, con 6 gare disputate – rinviata quella tra Teamnetwork Albatro e Conversano –, offre molteplici spunti di discussione e di analisi. A cominciare dall’ottimo raccolto di Raimond Sassari e Cassano Magnago, uscite col sorriso dai rispettivi e durissimi confronti.

Il match di copertina della 2^ giornata dà ragione alla Raimond Sassari. Colpaccio sardo al Palaestra, dove gli isolani vincono 28-26 (p.t. 13-15) contro la Ego Siena. Prestazione chirurgica di Brzic e compagni, bravi a fuggire via sul +4 al 57’ con rete di Stabellini (28-24) ed a reggere anche al doppio assalto senese guidato da Bronzo e da Bargelli (28-26). Sassari vince, costruendo le sue fortune attraverso un primo tempo ben interpretato (8-5 al 16’ e 11-8 al 19’) fino al +2 di metà contesa. Testa sempre ben salda avanti anche nella ripresa: Sassari tira fuori la freccia sul 20-15 al 39’, regge ai ritorni dei toscani fino al -3. Poi piazza l’affondo letale. Colpo esterno ben architettato e due punti in tasca.

Le sfide sotto i riflettori, per la verità, erano due. L’altra è il racconto di altri due punti ottenuti fuori casa e dà ragione al Cassano Magnago, che passa sul 23-22 (p.t. 10-11) sul campo di Bressanone. Pochi gol, partita combattuta e posta in palio alta. Nonostante i minuti trascorsi in Serie A Beretta siano appena 120. Decisivo l’avvio di ripresa: al rientro dalla pausa i lombardi di Kolec conducono di misura, sul +1, ma solo 10’ dopo con Fantinato insaccano la palla del 15-11. Bressanone frastornato. La reazione arriva, ma solo in parte: Amato fa 16-14, Cassano Magnago regge e con Dorio torna sul 20-16 al 51’. Nuovo +4 firmato Possamai. Con Basic e Pivetta gli altoatesini fanno registrare il break (3-0) che riaccende gli animi e, a 1’05’’ dalla fine, fissa il risultato sul 23-22. Time-out di Kolec a 46’’ dalla fine per tenerla lì. Missione compiuta, vince Cassano Magnago.

Bolzano fa due su due. Seconda vittoria consecutiva per la squadra guidata da Mario Sporcic, corsara sul campo della Banca Popolare Fondi. Il confronto termina 30-28 (p.t. 14-17), frutto di una prestazione ordinata dei biancorossi e di una performance comunque gagliarda dei padroni di casa. Di fatto, ad eccezione di un passaggio iniziale (6-4), altoatesini sempre avanti: 10-7 con Greganic al 15’ e ancora col croato a segno per il 17-14 che spedisce tutti negli spogliatoi. L’uomo-partita nel tabellino finale è Dean Turkovic, autore, tra gli 11 gol complessivi, del 15-14 che aiuta Bolzano a mentenere la distanza di sicurezza. Fondi ci prova, accelera in un paio di occasioni. Poi scivola sul -4 e con Vulic non va oltre il 30-28 conclusivo.

Il Pala Chiarbola consegna a Trieste la prima gioia in Serie A Beretta. La vittima dei giuliani è l’Acqua&Sapone Junior Fasano, costretta invece ad un’altra settimana a bocca asciutta dopo il 28-24 (p.t. 14-11) di questa 2^ giornata. “Punto a farne 10 ogni settimana”. Lo aveva detto Gianluca Dapiran, che va ancora in doppia cifra e trascina gli alabardati e vince il duello con Jarlstam, l’altro top scorer sul fronte opposto (8). In campo Trieste spinge da subito, al 17’ è in vantaggio 11-6 e all’intervallo conduce sul +3. La trama del film è svelata del tutto nei secondi 30’, quando gli uomini di Carpanese corrono fino al 22-14 e lasciano Fasano alle corde. Partita decisa già a 9’ dalla fine sul 27-21, poco prima del 28-24 conclusivo.

Cingoli spreca, l’Alperia Merano ne approfitta. Pari che lascia l’amaro in bocca ai marchigiani al Pala Quaresima: 28-28 (p.t. 12-14) che matura allo scadere. Antic al rientro dal time-out regala palla agli altoatesini, che ne approfittano con Martini e gioiscono per un punto dal sapore di colpaccio. Cingoli si dispera per avere non solo buttato via l’ultima palla, ma anche perso per strada il +2 accumulato al 56’. Anche Merano ci mette del suo: Diavoli Neri in vantaggio 12-8 dopo 17’ e ancora 14-10 al 25’. Il +2 ospite al riposo è l’antipasto di una ripresa che va avanti colpo su colpo, gol a gol. Il colpo di scena finale divide a metà la posta in palio.

Prima vittoria in campionato per lo Sparer Eppan nel 28-25 (p.t. 13-9) nel duello contro il Salumificio Riva Molteno. Tutto all’apparenza già definito quando il cronometro segna 41’ e il punteggio tocca il 21-13 in favore degli altoatesini di Gagovic. All’apparenza, appunto. Perché Molteno reagisce, piazza un break di 7-2 nel giro di 10’, torna sul 23-21 e rimette tutto in discussione. Il gol che riaccende gli animi è di Dall’Aglio. E via così fino alla fine: 24-22 al 52’, poi 25-23 fino al 27-23 al 56’ col sigillo di Brantsch. Stavolta senza altri colpi di scena, in una 2^ giornata di Serie A Beretta che ha saputo, com’è ormai consuetudine, riservarne tanti.

ORA PARTITA RISULTATO MATCH REPORT
Rinviata Teamnetwork Albatro – Conversano  –  –
h 18:00 Santarelli Cingoli – Alperia Merano 28-28 Download PDF
h 18:00 Banca Popolare Fondi – Bolzano 28-30 Download PDF
h 19:00 Ego Siena – Raimond Sassari 26-28 Download PDF
h 19:00 Brixen – Cassano Magnago 22-23 Download PDF
h 19:00 Trieste – Acqua&Sapone Junior Fasano 28-24 Download PDF
h 19:00 Sparer Eppan – Salumificio Riva Molteno 28-25 Download PDF

La classifica aggiornata:

Cassano Magnago 4 pti, Bolzano 4, Trieste 3, Raimond Sassari 3, Pressano 2, Brixen 2, Conversano 2*, Ego Siena 2, Sparer Eppan 2, Alperia Merano 1, Santarelli Cingoli 1, Acqua&Sapone Fasano 0, Banca Popolare Fondi 0, Teamnetwork Albatro 0*, Salumificio Riva Molteno 0
*una partita in meno

(foto: Serena Viggiano)

Related posts

Leave a Comment