Itri, Ardone: “Ripetersi non è facile, pensiamo subito al prossimo campionato”

Una nuova stagione alle porte porta con sé una nuova sfida. L’Itri, dopo la strabiliante salvezza, riparte da diverse conferme e alcune novità, soprattutto di mercato. Ma con la voglia di proseguire sulla programmazione e sulla progettualità che ha già reso vincente questo percorso. Il mister, Marco Ardone, si è lasciato andare ad un lungo ragionamento che coinvolge lo scorso campionato e quello alle porte, toccando con mano la filosofia biancazzurra. “Manca poco all’avvio di questa nuova annata, la terza consecutiva con questa seconda pelle. Non è scontato avere la piena fiducia di una società seria ed organizzata, e di una piazza con tifosi eccezionali. Sapevo benissimo di dover rinunciare a qualche ragazzo dello scorso anno, perché con noi sono riusciti a mettersi in evidenza, migliorando molto ed attirando le attenzioni di altri club con ambizioni di partenza forse diverse dalle nostre. Ognuno fa le sue scelte e noi le rispettiamo, anzi siamo contenti di aver contribuito a questa loro crescita e auguro il meglio ad ognuno di loro. Su tutti Mattia Saccoccio, è stata una vera e grande vittoria per tutti noi il suo approdo in D e in una piazza come Nocerina, agli ordini di un allenatore del calibro di Sannino. Il progetto punta molto sulla competenza e professionalità di tutti gli addetti societari, dal presidente Ialongo, passando per lo staff tecnico e dirigenziale, dai magazzinieri al direttore sportivo Danilo Paduano, al quale vanno i miei auguri per l’abilitazione appena ottenuta ad esercitare il ruolo sino in D. Stiamo cercando di investire bene le risorse economiche che la società ha messo a disposizione, e devo dire che in questo il presidente con il ds stanno cercando di mettermi a disposizione i profili richiesti prima per caratteristiche umane e poi per qualità calcistiche, rispettando il budget. Non è da tutti saper prendere parte e restare in questo progetto; ci vuole gente che non molla alle prime difficoltà, che non conosce alibi, che ama lavorare con umiltà e voglia di progredire non solo come giocatore, evolvendo e mettendosi in gioco nel massimo campionato regionale, con diversi della rosa per la prima volta in questa categoria. Abbiamo preso ragazzi che seppur giovani hanno ottime potenzialità e sono contentissimo della riconferma di persone che ormai per il terzo anno sono con me in questa avventura, ai quali devo molto e pubblicamente voglio ancora dire grazie per aver dimostrato un attaccamento alla maglia davvero importante. Ci siamo riposati dopo una fantastica stagione ed ora è tempo di metterci alle spalle quello che abbiamo fatto, perché ripetersi non è mai facile. Pensiamo subito al prossimo campionato, che presenterà difficoltà diverse e maggiori: due gironi invece che tre, con tutte le squadre o quasi che stanno investendo in maniera importante sul mercato, e se il Formia non venisse ripescato in D si aggiungerebbe al girone un’altra compagine di spessore nel territorio. Il nostro obiettivo rimane duplice: uno di natura qualitativa ed è quello di migliorare tutti e riuscire a far sbocciare altri “Saccoccio”; l’altro quantitativo e ossia di cercare la vittoria in ogni gara. Ai miei ragazzi chiedo di crederci sempre, di rialzarsi dopo ogni caduta, imparando e diventando una partita dopo l’altra più forti e consapevoli. Voglio chiudere cogliendo l’occasione per fare un in bocca al lupo a tutti i miei colleghi allenatori per la stagione alle porte e a tutti gli addetti ai lavori, giocatori in primis. Forza Itri”.

Alberto Ciccarelli per Gazzettaregionale.it

Related posts

Leave a Comment